Provvedimenti e Notizie

  • Home
  • Provvedimenti e Notizie

Modifica condizioni divorzio - creazione di una nuova famiglia di fatto e prova dell'esistenza della stessa - revoca assegno divorzile

  Scarica provvedimento in PDF

Con tale provvedimento il Tribunale di Ancona, aderendo alla prevalente giurisprudenza di legittimità, (Cassazione nn. 17195/2011 6855/2015; 2466/2016), ha ritenuto che la creazione di una nuova famiglia di fatto da parte di un coniuge divorziato rescinde ogni connessione con il tenore ed il modello di vita caratterizzanti la pregressa fase di convivenza matrimoniale, facendo venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell'assegno divorzile a carico dell'altro coniuge, sicché il relativo diritto non entra in stato di quiescenza, ma resta definitivamente escluso. La formazione di una famiglia di fatto, costituzionalmente tutelata dall''art. 2 della Costituzione come formazione sociale stabile e duratura in cui si svolge la personalità dell'individuo, è espressione di una scelta esistenziale, libera e consapevole, che si caratterizza per l'assunzione piena del rischio di una cessazione del rapporto e, quindi, esclude ogni residua solidarietà post matrimoniale da parte dell'altro coniuge. La giurisprudenza citata si inserisce nel solco tracciato dalla Corte Europea di Strasburgo (Corte EDU, Shalk ando Kopfc. Austria 24/6/ 2010; Corte EDU, G.C. Vallianatos c. Grecia 7/11/2013) e dalla Corte Costituzionale (Corte Cost. 15/4/2010, n. 138).  

In tema di prova il Tribunale ha ritenuto che la dimostrazione dell'esistenza di una famiglia di fatto può essere data anche tramite una relazione investigativa prodotta agli atti da parte ricorrente. Il Collegio ha dato così continuità all'orientamento giurisprudenziale che assegna valore a detta produzione documentale, configurandola quale prova atipica avente valore indiziario (Cassazione nn. 73/2010 e 11516/2014), utile ai fini del decidere se suffragata, come nel caso di specie, da altre evidenze probatorie attestanti la non occasionalità della frequentazione ed il fatto che essa risalga indietro nel tempo.

 

Ordinanza Tribunale Ancona n. 6360/2018 del 21/5/2018